Social Media Per Aziende

Organizzare un concorso su instagram


Per chi
    • ha imparato che oltre a fornire una semplice presenza e visibilità online, i social possono anche essere degli strumenti di comunicazione veramente molto mirati
    • è già a suo agio con diversi strumenti social online e desidera crescere di livello

Premessa – siamo in Italia!

La prima cosa che dovete sapere è che l’assegnazione dei premi fisici (con un valore economico) in Italia è tutt’ora regolata da una legge vecchissima che risale al 2001. Per farla breve, NON potete mettere in palio prodotti/servizi/codici sconto ecc.

instagram concorso

Ed ovivamente, non solo facebook ma anche instagram, pinterest, twitter ecc.

E mi direte “ma io ho visto un sacco di concorsi sui mezzi social italiani” ed avete pure ragione…

concorso instagram

Non tutti sanno e non tutti che sanno ascoltano!

In realtà, la legge permette (con richiesta al Ministero per la verifica/applicazione) i concorsi a premi online nel caso in cui gli utenti coinvolti siano fuori dal territorio italiano. Ma io per oggi evito il caso di concorso a premi con valore economico online (troppo vago e complesso) e parlo di cose che possiamo fare tutti tranquillamente.

Instagram – che pesce è?

Le modelle di Victoria's Secret in modalità selfie

Le modelle di Victoria’s Secret in modalità selfie

 

 

Essendo tutti quanti degli avidi lettori degli articoli di Social Media per Aziende, avrete già ben chiaro le funzionalità dello strumento instagram e le possibili modalità di usare instagram per le aziende.

 

 

Instagram si può riassumere come uno snapshot della realtà. È il momento NOW di eccellenza: agguanti il tuo mobile device, click, giusto un veloce crop, un filtro se proprio ti va, e pubblichi. Le foto belle, perfette, “photoshoppate” sono cibo del sito web, di pinterest. La vetrina aziendale con instagram assume veramente un’altro tono; più reale, meno (apparentemente) studiata, più umana.

 

 

 

Gli ingredienti per un concorso instagram?

#1 Un obiettivo

Come sempre, se non hai ben chiaro perché stai facendo una cosa, probabilmente non è da fare! Quali possono essere i motivi per fare un concorso?

  • una prova, per capire meglio lo strumenti; questo è assolutamente un validissimo motivo
  • per misurare il tuo muscolo social – magari hai diversi fan/follower sui vari social, ma quanto sono reattivi?
  • per indirizzare traffico verso un luogo specifico (un’offerta sul sito, la pagina facebook, il blog aziendale… ovunque sia)
  • per coinvolgere i fan come risorsa crowd-sourcing (il nuovo nome di un prodotto da lanciare, il colore del nuovo logo aziendale ecc.)
  • semplicemente per coccolare i tuoi fan e fare una cosa divertente insieme
  • o un milione di altri motivi – basta che tu sappia perché lo fai!

#2 Un hashtag

Ogni concorso degno di esistere molto probabilmente ha un hashtag associato. Crea un hashtag specifico, unico e semplice; se ne fai uno anche facile e memorabile, meglio ancora.

#3 Un premio

Eccoci al punto! Solo perché non puoi dare un premio “vero” non vuol dire che non puoi premiare.

  • la selezione della “miglior” fotografia con hashtag del concorso pubblicato su instagram “vince” la sua pubblicazione in copertina della pagina facebook/nel blog/sul sito ecc.
  • un riconoscimento “personalizzato” per esempio un post sul blog aziendale che parla del vincitore.

Bisogna essere un attimino creativi, ma devi anche ricordarti che la gratificazione (anche non economica) è un forte fattore motivante per tantissime persone.

#4 Il coinvolgimento di più canali social

instagram contest facebook

#trainlikeangelo per creare buzz intorno alla linea sportiva femminile del marchio

A Victoria’s Secret hanno usato l’hashtag #trainlikeanangel per creare buzz su TUTTI i mezzi social. Nella pagina facebook ci sono anche tab dedicate che portano a musica, blog, diete ecc. tutte associati all’hashtag e tutte a supporto della linea del brand.

È un caso aziendale colossale questo, preso da un’azienda presente e attiva sul mezzo instagram praticamente dalla nascita. Ma sicuramente nel nostro piccolo possiamo prendere degli spunti da applicare alle realtà italiane.

Se non ci provi non lo puoi sapere! Facci sapere l’hashtag del tuo concorso così ti seguiamo!

 

4 comments for “Organizzare un concorso su instagram

  1. Giuseppe
    Gennaio 2, 2016 at 5:46 pm

    Innanzitutto complimenti per l’articolo! Sto cercando di informarmi, ma fare chiarezza sulle normative in questione è un’impresa! Avrei una domanda sulla questione. Se il premio viene assegnato al contenuto con il maggior numero di like, si è ancora all’interno della categoria “concorsi a premi”?
    Grazie in anticipo per il vostro tempo.

    • Gennaio 4, 2016 at 10:32 am

      Ciao Giuseppe, hai ragione, le normative italiane sono veramente poco chiare. Noi evitiamo del tutto il problema non assegnando MAI premi con un valore commerciale, in nessuna forma. Se qualche nostro lettore ne sa di più, anche noi siamo curiosi di approfondire l’argomento.

  2. Maggio 2, 2016 at 4:44 pm

    Scusate, ma se leggete i termini di instagram è previsto che
    “You must not create or submit unwanted email, comments, likes or other forms of commercial or harassing communications (a/k/a “spam”) to any Instagram users”. Quindi sollecitare l’utilizzo di un hashtag per scopi commerciali non è consentito…

    • Maggio 2, 2016 at 6:12 pm

      Grazie del commento! Vediamo un po’. Secondo noi tutto sta nell’interpretazione di “submit” nella frase da te citata: “You must not create or submit unwanted email, comments, likes or other forms of commercial or harassing communications (a/k/a “spam”) to any Instagram users”.

      (Premessa, sono di nazionalità Britannica e ovviamente l’inglese è la mia prima lingua). “Submit” ci dà come traduzione “sottoporre, presentare”, ma in realtà si tratta di un’azione molto più concreta, traducibile (noi crediamo) sulla piattaforma di Instagram con intasare di commenti le foto dei followers, inviare messaggi privati o usare l’account Instagram per carpire dati della persona (email o altro) a fini di azioni commerciali. Ma creare un hashtag che usi sul TUO canale commerciale di Instagram ed anche su altri account social TUOI, dove inviti le persone ad usare l’hashtag ci risulta del tutto legittimo. E infatti un sacco di aziende fanno così, senza subire conseguenza da parte di Instagram.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Visit Us On FacebookVisit Us On Google PlusVisit Us On TwitterVisit Us On Pinterest