Social Media Per Aziende

Iconosquare sta a Instagram come la Nutella sta al pane


 Per chi
    • usa Instagram con un discreto successo, ma non sa come definire il successo, né tanto meno sa a cosa è dovuto
    • usa Instagram e avrebbe pure degli obiettivi concreti da raggiungere… se sapesse come definirli e misurarli.

L’evoluzione di Instagram

Che Instagram sia un animale un po’ diverso l’abbiamo capito tutti. La versione per browser è limitata alla possibilità di likare o commentare giusto i profili che seguiamo, ammirare sul nostro account le nostre enormi capacità creative… e basta. A meno di non usare qualche workaround (che comunque solitamente richiede un impegno non indifferente) è possibile caricare immagini o cercare immagini di altri solo dall’app per mobile. Instagram si fonda sulla velocità e precisione con la micro-tastiera dello smartphone – e non tutti sono all’altezza 🙂

Il successo di Instagram negli ultimi 2/3 anni tra le generazioni più giovani è dovuto principalmente al fatto che Facebook, che dieci anni fa era il luogo di incontro tra ragazzi lontano dagli occhi dei genitori, ora non solo è popolato dai genitori, ma pure dagli zii, nonni e insegnanti dalle medie e superiori. I ragazzi hanno cercato un altro spazio “tutto loro” ed hanno trovato (e in un certo senso anche definito) Instagram. Proprio Instagram è il regno delle foto cosiddette “native” (scattate in tempo reale) e caricate “al naturale” salvo giusto qualche filtro d’effetto; un processo che richiede veramente pochissimi secondi.

Ragazzi, se state leggendo qui, complimenti. Questo probabilmente non è ancora un portale interessante per voi, ma se state leggendo occhio, le aziende sono arrivate su Instagram (e ovviamente dietro di loro genitori, zii e insegnanti).

Ma Instagram non ce la racconta tutta!

Com’è comprensibile Instagram è diventato davvero interessante per un sacco di settori: ristorazione, moda, turismo, artigianato… e tanto altro ancora. Ma un vero grande limite di questo canale social è la mancanza di numeri. Come abbiamo raccontato molto recentemente, gli obiettivi SMART sono specifici, e senza numeri è veramente molto difficile essere specifici.

 

suzi jenkins   fumodilondra01  • Instagram photos and videos

Instagram, di suo, ci racconta veramente poco!

In alto a destra troviamo giusto i numeri globali (il minimo sindacale) e per sapere qualcosa riguardo all’engagement praticamente bisogna passare il mouse singolarmente sopra ogni immagine. Impensabile per un social media manager responsabile! Sono numeri sterili, privi di contesto e pure difficili da estrapolare.

Iconosquare (fu Statigram) ci racconta le cose per bene

Iconosquare ci permette di visualizzare una quantità di dati impressionante, se facciamo il paragone con i dati che ci dà Instagram. Forse anche troppi (ammesso che i dati possano essere troppi). Guardiamo l’overview!

c

Per prima cosa ho uno snapshot in cui vedo quante immagini+video ho caricato sull’account dal momento dell’apertura, il totale di like e commenti, i numeri di followerfollowing. Comodo a dir poco.

Andiamo avanti.

Rolling month details. In questo caso l’apertura dell’account di Iconosquare è troppo recente per aver già accumulato dei dati, ma sarebbe comunque una misura della crescita globale dei followers negli ultimi 7 giorni (nuovi, meno chi ha abbandonato l’account). Comodo pure questo.

E poi.

Love rate, talk rate e spread rate. Non so voi, ma io adoro i numeri che derivano dall’uso di formule (ovvero dipendenti da più variabili). Un numero di follower in assoluto mi dice poco, ma l’engagement generato dai follower e l’engagement generato dai non-follower inizia ad essere davvero interessante. Ed infatti, sull’account in questione, non c’è dubbio che i contenuti abbiano un forte appeal per i non-follower.

Ma oltre all’overview ho anche altre schede da visitare:

menu  Iconosquare

Anche se la tentazione di visitarle tutte qui per farvi vedere ogni singolo dato è forte, resisterò. Sta a voi accedere per conto vostro, ognuno con il proprio account e guardare tutti i dati che Iconosquare mette a disposizione. Vi ricordate che sopra ho accennato al fatto che forse ci sono anche troppi dati?

Le ore migliori per pubblicare i post

Le ore migliori per pubblicare i post, ed i tempi di reazione della comunità

Ora io so l’orario nel quale pubblicare per avere una maggior probabilità di engagement, e so anche che nel caso specifico, se la comunità non interagisce entro 2 ore, probabilmente non ci sarà interazione. E questi diventano davvero numeri utili.

Sopra ho fatto l’errore di parlare di “troppi dati”. Ma se una delle variabili che può cambiare il livello di engagement di un post è il filtro che utilizzo, è impossibile che non lo voglia sapere!

Quello che mi piace particolarmente di questo strumento è che mostra attraverso l’icona “i” per info i periodi di riferimento dei dati, o qualche altra spiegazione per poter interpretare nel miglior modo possibile tutti quei numeri.

Per chi non ha mai indagato più di tanto i numeri di Instagram, questo è un bel posto da dove partire. Ed è gratis.

6 comments for “Iconosquare sta a Instagram come la Nutella sta al pane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Visit Us On FacebookVisit Us On PinterestVisit Us On Twitter