Social Media Per Aziende

Facebook e le pagine da tenere sotto controllo


Per chi
    • è un gestore di social media curioso e vuole tenersi aggiornato su facebook
    • è un imprenditore curioso e cerca uno strumento che lo aiuti a tenere sotto controllo le pagine facebook dei propri competitor
    • è un curioso morboso e vuole sapere tutto di facebook

Che siate gestori di social media, imprenditori o semplicemente curiosi, sto dando per scontato che abbiate una pagina facebook da amministrare. La funzionalità di cui parlerò oggi è infatti disponibile solo nel pannello di amministrazione delle pagine facebook (se avete erroneamente creato il profilo al posto della pagina, fortunatamente potete ancora rimediare).

Pagine da tenere sotto controllo

Bando alle ciance, aprite la vostra pagina e andate nella sezione Insights. Nella panoramica, scorrendo verso il basso, sotto le statistiche degli ultimi 5 post c’è la sezione Pagine da tenere sotto controllo (o Pages to Watch se usate facebook in lingua inglese).

Facebook - Pagine da tenere sotto controllo

 

Tecnicamente il funzionamento è semplice, per non dire banale. Cliccate su Aggiungi pagine, date un’occhiata ai suggerimenti di facebook (senza riporvi troppe speranze, almeno per quella che è la mia esperienza) e poi aggiungete le pagine che ritenete opportune (ne dovrete inserire almeno 5). È possibile aggiungere pagine anche in un secondo momento.

Una volta che avete aggiunto le pagine da monitorare, avrete i dati di confronto

confronto-pagine-facebook

Ho parlato della possibilità di misurarsi con i competitor, ma possiamo sfruttare questa funzionalità per tenere sott’occhio l’evoluzione di pagine che semplicemente riteniamo interessanti o che utilizziamo come modello anche se appartenenti ad aziende di settori diversi. È chiaro che Mashable non è un competitor diretto di socialmediaperaziende.it, visto che noi ci rivolgiamo specificamente alle aziende italiane, ma è interessante vedere come si muove su facebook uno degli attori principali del mondo social.

Cosa guardare

Al di là del numero dei “Mi piace” e del ritmo a cui crescono è interessante osservare con che frequenza postano le pagine di successo e quali sono quelle che riescono a suscitare il numero maggiore di interazioni. Ancora più interessante cercare di capire i perché di quello che osserviamo e i rapporti causa-effetto. Più like generano più interazioni? Più post generano più like? Per poter giungere a delle conclusioni non basta dare un’occhiata una volta, ma è necessario darsi da fare con applicazione e costanza.

I post più popolari

Possiamo approfondire la nostra analisi: cliccando su ciascuna delle pagine che stiamo monitorando si apre l’elenco dei post più popolari della settimana pubblicati su quella pagina.

pagine-facebook-sotto-controllo-post-popolari

In questo modo possiamo verificare se sono più apprezzate le foto rispetto ai link ad articoli o se sono più commentati gli articoli tecnici rispetto a quelli più “leggeri”.

Attenzione! Non è detto che per noi valgano le stesse regole degli altri, ma le informazioni che raccoglieremo sono tutte utili per permetterci di elaborare e aggiornare la nostra strategia.

Post principali a confronto

Nella sezione Post degli Insights ci viene mostrato uno specchietto con i 5 post principali delle pagine che teniamo sotto controllo (valutati in base al numero di interazioni ricevute).

Facebook - Pagine da tenere sotto controllo - i post principali

Si tratta di altri dati utili per capire il tipo di post più gettonato o la data in cui sono stati pubblicati i post più gettonati. Potremmo scoprire che le foto al lunedì sono quelle che ottengono il maggior risultato. Come sempre le statistiche ci forniscono dei numeri, ma le interpretazioni di questi numeri dobbiamo darle noi. Del resto nessun altro può farlo, visto che sono dipendenti dagli obiettivi che ci siamo dati.

Notifica

Quando inserite una pagina tra quelle da tenere sotto controllo, agli amministratori della pagina arriva una notifica. Ma niente paura! Gli viene detto che qualcuno li sta monitorando, ma non viene assolutamente specificato CHI lo sta facendo. La vostra privacy viene rispettata e potete “spiare” in modo del tutto anonimo.

 

Poter avere uno specchietto riassuntivo con le informazioni principali sulle pagine che ci interessano è una bella funzionalità, sia per confrontarsi con i propri concorrenti, che per attingere da chi sta facendo un lavoro migliore del nostro.

Conoscevate questa funzione? La state utilizzando? Avete intenzione di utilizzarla? Che ne pensate?

 

4 comments for “Facebook e le pagine da tenere sotto controllo

  1. Gino
    Settembre 23, 2014 at 7:22 pm

    ok la privacy di chi controlla la pagina, ma io che sono amministratore della mia pagina come faccio a sapere quali informazioni vengono mostrate a chi controlla? Potrebbe essere uno “pseudo-competitor”;
    attingere a chi sta facendo un lavoro migliore mi sembra quasi “rubare” il lavoro degli altri: una pratica che onestamente ritengo scorretta oltre che poco elegante. Basterebbe chiedere, così avrei la possibilità di decidere io a chi dare le info.
    Non c’è la possibilità di scegliere le informazioni da mostrare?
    Grazie, Gino

    • Lorenzo Sali
      Ottobre 8, 2014 at 12:15 pm

      Gino, scusa il ritardo nella risposta, ma abbiamo avuto qualche problema con le notifiche dei commenti (speriamo di aver risolto, e magari faremo un post anche su questo).

      Innanzitutto grazie del tuo intervento, che pone due quesiti che meriterebbero un post ciascuno. Provo a rispondere brevemente.

      Quello della privacy è per certi versi un falso problema, perché le informazioni della pagina che facebook fornisce sono già pubbliche e chiunque può recuperarle. Facebook si limita a fornire uno specchietto dove puoi monitorare l’andamento di altre pagine, tra cui possono esserci anche quelli che consideri tuoi competitor. Tu in quanto gestore dovresti sempre tenere a mente che tutto quello che scrivi è visibile (vale per facebook, ma vale ogni volta che scrivi qualcosa sul web in un “luogo” pubblico) e regolarti di conseguenza.

      Per quanto riguarda l’aspetto etico, distinguerei tra “attingere” e “copiare”. Attingere da chi sta facendo bene è normale ed anzi auspicabile, d’altra parte se vuoi imparare e crescere devi per forza osservare chi fa le cose meglio di te. Non per copiare, ma per migliorare. Copiare il lavoro degli altri è non solo scorretto e poco elegante, ma anche controproducente (chi copia perde punti sui motori di ricerca, è malvisto dal popolo del web ed è pure passibile di sanzioni legali!).

      Spero di esserti stato utile. Buon lavoro!

  2. Luigi
    Marzo 10, 2015 at 11:45 am

    Faccio un’osservazione sul completo anonimato di chi sceglie di tenere sotto controllo.

    Di fatto, a me, amministratore di una pagina, quando Facebook mi notifica che una pagina ha iniziato a tenermi sotto controllo, compare immediamente un nuovo suggerimento di pagina da seguire. Molti sostengono che questo sia un segnale automatico da interpretare facilmente e io stesso ho sperimentato che ogni volta che una pagina iniziava a “sbirciarmi”, questa stessa compariva tra i suggerimenti rivolti a me delle pagine da sbirciare.

    Ora, fermo restando l’essere pubblico dei dati di una pagina su fb, fermo restando la buona fede di chi guarda al migliore per imparare, non si può certo dire che chi tiene sotto controllo lo fa nell’anonimato anzi, si espone decisamente.
    Questo per dire che, strategicamente (non eticamente), non la ritengo una buona mossa fare sapere al mio competitor che sto guardando cosa combina…quando, se proprio voglio, cosa sta facendo sulla sua pagina, quanti like ha e quanti like hanno i suoi post posso vederlo cmq.

    Cosa ne pensate?

    • Lorenzo Sali
      Marzo 10, 2015 at 3:17 pm

      Per come la vedo io, un imprenditore sveglio sa che i suoi concorrenti (almeno quelli altrettanto svegli) lo tengono d’occhio e probabilmente li sta già tenendo d’occhio a sua volta, più o meno alla luce del sole, quindi in generale non mi preoccuperei molto del fatto che si possa accorgere che sto monitorando la sua pagina facebook.

      D’altra parte se stessi lavorando in gran segreto a un progetto in cui la tempistica ha un ruolo fondamentale, sicuramente non vorrei che gli altri si accorgessero di me. Ma in questo caso per prima cosa non aprirei una pagina facebook.

      Però è vero che nella nostra cultura dominano il “segreto professionale” e il “tramandare il mestiere”, quindi la tua osservazione è assolutamente pertinente. Non solo, se è possibile sapere chi “mi sta guardando” vorremmo che i nostri lettori fossero informati. Per cui, visto che noi non abbiamo trovato nulla sulla correlazione tra suggerimenti delle pagine da tenere sotto controllo e pagine che tengono sotto controllo una pagina, se hai qualche link postalo pure e provvederemo ad aggiornare il post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Visit Us On FacebookVisit Us On Google PlusVisit Us On TwitterVisit Us On Pinterest