Social Media Per Aziende

Post sponsorizzati? Sì, ma solo se creati e gestiti bene


Per chi
  • usa i post sponsorizzati di facebook, ma non ottiene grandi risultati
  • vorrebbe usare i post sponsorizzati di facebook, ma è titubante

Ricordai che fai marketing (o almeno dovresti)

Il post sponsorizzato NON è il male, ma per renderlo efficace servono competenze strategiche e metodo, Il rischio è che, essendo le persone impermeabili all’advertising – e pure un po’ schifate dalle pubblicità – non interagiscano con il tuo post.

Ricordati che il tuo pubblico facebook è lì per motivi che sono altro rispetto all’acquisto (leggi: cazzeggio) e che per generare leads significativi è necessario catturare la loro attenzione non con la fuffa, ma con ciò di cui hanno realmente bisogno. Sì, compresi i bisogni che non sanno di avere ma che tu, esperto di inbound marketing sai individuare tramite le tue doti di analisi del target e del mercato.

Se non lo fai, tutti i tuoi potenziali clienti ignoreranno te e il tuo inutile post sponsorizzato, per il quale avrai investito male tempo, denaro e perso un’opportunità.

In altre parole, senza una strategia il post sponsorizzato provoca lo stesso effetto piacevole del piazzista che suona alle 2 del pomeriggio di una torrida domenica estiva.

post sponsorizzati

 

Conosci il tuo target

Se non sai a chi stai parlando e ignori quali siano abitudini e necessità dei tuoi potenziali clienti è inutile creare un post sponsorizzato. Il marketing funziona quando si basa sull’interazione reale tra bisogni del consumatore e offerta del brand. Tra i bisogni sono compresi anche la necessità di rispecchiarsi nei valori, nel linguaggio e nello stile che il brand propone.

Quindi, oltre a conoscere il proprio target, è necessario sapere bene a che punto siamo con la nostra brand reputation. Ma su questo torneremo più avanti, in un post dedicato.

Storytelling e pubblicità

Non è un ossimoro. Se hai la capacità di raccontare bene il tuo prodotto (per bene intendo nel modo più efficace possibile per il tuo target) il post sponsorizzato sarà più spontaneo e meno da imbonitore. L’abbiamo detto tante volte: le bugie hanno le gambe corte e su internet durano davvero poco. Prima di promuovere il tuo prodotto come il più “stra – mega – super – figo – top di gamma – eccellenza dell’orbe terracqueo” rilassati e pensa che a quelle palle lì non ci crederà nessuno. Sii realistico e non gonfiare la comunicazione. Anche sul web ci vuole coerenza.

Non esagerare

Le campagne devono essere studiate in termini di obiettivi: vuoi far conoscere il tuo sito? Vuoi lanciare l’ultimo prodotto? Hai un’offerta del mese? Incrociando i dati di analisi del target, mercato e obiettivi commerciali potrai sapere quando e quanto deve durare la tua campagna. Puoi lanciarne contemporaneamente anche più di una se necessario (se ad esempio hai due prodotti che rispondono ad un diverso target/mercato).

Il post sponsorizzato è un alleato, se sai come approcciarlo.

Un po’ come la suocera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Visit Us On FacebookVisit Us On Google PlusVisit Us On TwitterVisit Us On Pinterest