Social Media Per Aziende

Un approccio scientifico alla scrittura dei tweet


Per chi
    • usa twitter
    • non ha paura dei numeri
    • sa che c’è sempre da imparare

Non sempre quello che a noi sembra buono è buono in assoluto. A dire il vero non lo è mai. La soggettività fa parte di questo mondo (e per fortuna, sennò sai che noia!) e prima ce ne facciamo una ragione, prima riusciremo a comprendere il mondo che ci circonda.

Ma, al di là delle questioni umanistiche/filosofiche, e rimanendo nel campo di interesse di un’azienda che ha deciso di usare twitter all’interno della propria strategia di comunicazione online, è interessante cercare di capire come il popolo di twitter si comporta statisticamente.

Il giorno migliore

Stando ad una ricerca di salseforceil fine settimana è il momento migliore per twittare (il tasso di engagement per le imprese è più alto del 17%), ma solo il 19% delle imprese twitta il sabato o la domenica.

Il momento migliore per twittare

 

Questo è il quadro generale, ma ogni settore ha i suoi momenti migliori, ad esempio per le aziende operanti nel settore del divertimento è un ottimo giorno anche il lunedì, mentre per l’editoria il sabato è più redditizio della domenica.

L’ora migliore

Twitter è più efficace durante il giorno (dalle 8 alle 19), mentre la sera è facebook ad essere più frequentato.

Il momento migliore per twittare

Non esagerare

Una volta trovato il periodo migliore, va bene concentrare i tweet in quel lasso di tempo, ma senza esagerare (abbiamo già detto che gli spammer non sono ben visti). Superare i 4 tweet giornalieri tende a minimizzare i benefici e da 6 in poi i feedback cominciano ad essere negativi.

Twitter - quanto twittare

 

Se il momento in cui twittare e quanto twittare sono fattori importanti, ancora di più lo è il modo in cui costruiamo il nostro tweet.

La lunghezza

Se 140 caratteri vi sembra pochi, sappiate che i tweet con meno di 100 caratteri ricevono il 17% in più di interazione. Inoltre i tweet brevi lasciano ai vostri follower la possibilità di citare il tweet aggiungendo il loro commento.

Gli hashtag

L’uso degli hashtag è fortemente consigliato, visto che i tweet con hashtag sono retwittati il doppio di quelli senza. Nonostante questo, solo il 24% dei tweet contengono almeno un hashtag.

In ogni caso non abusatene! Uno o al massimo due hashtag per tweet vi danno una probabilità del 21% più alta di ottenere un retweet rispetto a chi esagera.

Immagini e link

I tweet che contengono un link hanno l’86% di probabilità in più di essere retwittati (purché il link sia scritto bene) e addirittura se il link è ad un’immagine hanno mediamente il doppio di interazione.

Call to action

E qui casca l’asino (con me nella parte dell’asino). Dal mio punto di vista è incomprensibile, ma la statistica ci dice che se inviti i tuoi follower a retwittare hai una probabilità del 1200% in più di ottenere il risultato sperato. Sì sì, avete letto bene. Statisticamente i tweet che contengono i termini “retweet” o “RT” sono retwittati 12 volte più degli altri. E, se vogliamo andare a cercare il pelo nell’uovo, il termine “retweet” è doppiamente efficace rispetto al semplice “RT”.

 

Riepilogando ecco come fare per ottenere i migliori risultati dai nostri tweet

  • scegliere il giorno, l’ora e il mezzo giusto per il nostro settore di attività
  • twittare al massimo 4 volte al giorno
  • usare meno di 100 caratteri
  • usare link, preferibilmente a immagini
  • includere hashtags, senza esagerare
  • invitare i follower a retwittare.

 

Bene! L’ingegnere che è in me è soddisfatto. E voi? I numeri vi annoiano o li trovate utili?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Visit Us On FacebookVisit Us On PinterestVisit Us On Twitter