Social Media Per Aziende

Dignità sociale


Per chi
    • ha chiesto almeno una volta like/commenti ad amici e conoscenti
    • si chiede se sia una strategia ben pensata chiedere like/commenti ad amici e conoscenti

Quando si apre un nuovo canale social, è chiaro, s’invita il mondo (a noi conosciuto) a cliccare mi piace/follow etc.

E chi non lo farebbe?! Un account “spoglio” di fans/followers fa una comunicazione tristissima. Quindi è normale che, quando apriamo un nuovo canale social, la prima cosa che facciamo è chiedere a tutti i componenti della famiglia (teenager inclusi se siamo proprio disperati) di diventare fan/follower di quell’account. Ci importa solo di arrivare ad un numero fan/follower tale da non far sembrare l’account aperto ieri sera (quando è così a tutti gli effetti).

Mariti, mogli, zii, cugini, amici e contatti vari – sono tutti buoni. Anzi, NON sono tutti buoni ma sono tutti “uno in più“. E per noi in questo momento “uno in più” è importante. Non sono necessariamente buoni perché non saranno sicuramente il nostro target, i nostri futuri clienti, i portavoce autorevoli delle caratteristiche dei nostri prodotti/servizi. Ok, diciamo tutta la verità. Magari ci scappa pure qualche commento dalla cugina sarda che non vediamo da 15 anni tipo “ottimo il prodotto ed ottimo il servizio – intendo usare solo questo prodotto da ora in poi; valido ed economico. Io sono un altro cliente soddisfatto”. Non ci crede nessuno, e noi sappiamo che non ci crede nessuno, ma ecco, è sempre “uno in più”.

Breakeven tra il canale social finto e vero

Ma ad un certo punto bisogna crescere. Dentro di noi lo sappiamo che il nostro canale con i fan e followers finti, i commenti finti e forse pure qualche recensione finta non sta lavorando per noi. E magari ci eravamo anche detti “solo all’inizio, ed una volta avviata la cosa in maniera un po’ forzata, si fa emergere la voce vera del coro sociale”.

Ed emergono subito due problemi:

#1 – a che punto abbiamo raggiunto la massa critica di fan/follower da far volare questo social da solo? 10? 100? 1000?

Stabilire un numero che rappresenta l’obiettivo “raggiunto” è difficile. Ma va fatto e va rispettato, e dico che il numero reale per una piccola/media azienda italiana non è alto, si tratta di centinaia, NON migliaia. Qualche centinaio (200, 300, 400) di fan/follower finti è una buona base per iniziare a cercare fan/follower veri.

#2 – ci innamoriamo della crescita dei fan/follower, a cui segue una dipendenza vera e propria ed entro poco compiamo azioni folli pur di aumentare i numeri

Diciamo la verità, la logica e la ragione diventano concetti lontani e vaghi per noi quando iniziamo a…

  • supplicare le persone in ginocchio di likare/commentare/seguire
  • comprare fan/follower falsi

Ora a sangue freddo e prima di aver intrapreso questa strada (spero), mi vuoi scrivere un testo di 500 parole che mi spiega perché entrambe queste azioni sono veramente assurde? Forse ti bastano 200 parole. 100. A me ne bastano 5. “Hai perso di vista l’obiettivo“.

L’obiettivo?

L’obiettivo non è il numero di fan/follower.

IL NOSTRO OBIETTIVO DEVE ESSERE ENGAGEMENT: OVVERO CREARE UN DIALOGO TRA NOI, I FAN E I FOLLOWER (MA ANCHE SENZA DI NOI) DOVE IL NOSTRO PRODOTTO/SERVIZIO È AL CENTRO DELLA DISCUSSIONE.

(Si tutto maiuscolo, perché si, sto urlando … mi sentite?)

FAN E FOLLOWER PRESENTI PER PIETÀ/FINTI/MORTI NON PARLANO.

dignità sociale twitter

Effetto inverse returns

Allora alla fine il nostro investimento (passare del tempo a scrivere messaggi “stracciacuori” supplicando un like/follow, o investire denaro vero nell’acquisto di fan o recensioni falsi) non solo sono soldi buttati all’aria, ma hanno addirittura un effetto negativo sulla nostra azienda. Cioè alla fine otteniamo l’esatto contrario di quello che volevamo.

Date un’occhiata all’engagement di questa pagina con ben 14.230 like … tira fuori il buon senso che è dentro di te e confermami che non torna, anzi, che fa anche una cattivissima comunicazione.

dignità sociale facebook pagina

Non farti tradire da numeri inflazionati senza importanza. Torna con i piedi a terra ed rimetti il cervello al suo posto, e riacquista un po’ di dignità sociale.

Du’ regole 

 

#1 – quando un amico/parente/contatto di lavoro ti chiede di diventare fan/follower su un canale social che a te non potrebbe interessare di meno, SE ci tieni al rapporto (e non è detto) fallo.

#2 – quando uno sconosciuto/contatto lontano ti chiede di diventare fan/follower su un canale social che a te non potrebbe interessare di meno, mandagli il link a questo articolo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Visit Us On FacebookVisit Us On PinterestVisit Us On Twitter