Social Media Per Aziende

Come rendere accattivante la comunicazione tecnica


Per chi
  • gestisce la comunicazione di un business tecnico e un po’ noioso
  • è alla disperata ricerca di motivazione e buoni consigli

Non esistono business noiosi, ma solo contenuti poco efficaci

Lo so. Gestire la comunicazione di una discoteca, di un’agenzia di eventi, di una casa di moda non è esattamente la stessa cosa che occuparsi dei canali di uno studio notarile o di una software house. Indubbiamente ci sono business in cui la comunicazione easy&smart è l’unica possibile e altri in cui sembra sia obbligatorio strozzarsi col la cravatta.

Ma sei davvero sicuro che sia necessario uccidere i tuoi lettori?

gestire le comunicazioni noiose

#1 Le informazioni e i consigli NON devono essere noiosi

Magari, oggettivamente, un pochino lo sono. Ma con uno storytelling efficace e il giusto tone of voice, l’effetto “barbiturici” può essere notevolmente mitigato. Prova a scrivere il post come fai di solito e poi pensa di renderlo più adatto a chi ti legge. Il mio professore di filosofia sosteneva che non hai davvero capito un concetto finché non sei in grado di spiegarlo a un bambino delle elementari.

#2 Elimina i tecnicismi e il burocratese

Ricorda che c’è una sostanziale differenza tra la comunicazione istituzionale di email, lettere e brochures rispetto a linguaggio dei social. Allo stesso modo – l’abbiamo detto fino a perdere la voce e la sensibilità ai polpastrelli – sui social si può essere seri, senza essere seriosi. L’importante è eliminare i tecnicismi, senza scadere nella banalità ma rendendo comprensibile il contenuto a chi non è non del mestiere.

#3 Scrivi in maniera mirata

Scrivere per tutti è come scrivere per nessuno. Se non hai chiara la tua web identity e chi sono le tue personas il rischio di comunicare in maniera sbagliata è reale. Prima di scrivere contenuti è necessario aver costruito una strategia robusta e un piano editoriale.

#4 Less is more

Uno stesso concetto può essere espresso in 140 o in 10 parole senza perdere di senso. Considerando che le persone hanno poco tempo a disposizione per leggere – approfondire – valutare perché non agevolare il processo? Posa il righello e concentrati sull’obiettivo. Per prendere dimestichezza è utile fare delle prove (anche su cartaceo) in cui creare versioni differenti per esprimere lo stesso concetto e poi scegliere la più breve.

#5 Diventa leggibile

Scrivere in un font leggibile, su un template responsive e con la giusta attenzione a paragrafi, grassettatura e formattazione del testo consentirà ai tuoi lettori di scorrere velocemente l’argomento e approfondire, nel caso. Trovarsi di fronte un muro di parole non è la forma migliore per rendersi fruibili e piacevoli.

#6 Usa i visual

Largo a immagini, foto, video, infografiche e gif animate. Quando si dice l‘immagine vale più di mille parole non è solo un proverbio, ma una realtà che tiene conto del criterio di selezione dettato dagli algoritmi (questo non significa che non sia necessario, a corredo, un testo esplicativo e una corretta gestione di tag e form)

#7 Spazio ai tutorial

Non riesci a spiegarlo? Fammi vedere come si fa.

Funziona coi bambini, ma anche con i clienti. Non c’è niente di meglio di un video tutorial su YouTube per spiegare il funzionamento di una procedura, il montaggio di un apparecchio o l’utilizzo di un software. E poi ricordati che i video piacciono molto anche a Facebook. 

Come te la cavi coi tuoi contenuti noiosi? Ehi, ehi…ci sei ancora?

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Visit Us On FacebookVisit Us On Google PlusVisit Us On TwitterVisit Us On Pinterest