Social Media Per Aziende

Un’altra piattaforma per la gestione dei Social Media – Buffer


Per chi
    • vorrebbe usare una piattaforma di social media management davvero semplice
    • è disposto a rinunciare ad altre funzioni a favore della semplicità dell’invio

 

Praticamente ho già svelato tutto nel “Per Chi”!

Buffer è una piattaforma per la gestione dei social (Social Media Manager) estremamente facile, semplice, chiara (e pure disponibile in versione gratuita) – ma troppo (facile, semplice e chiara). Praticamente si rende inutile da sé. Ma aspetta. Son troppo critica. Vediamo un po’.

1. Esiste SOLO in inglese

Diversi di voi possono già abbandonare questo post. Anche se solo in lettura, l’inglese è estremamente importante!

2. Praticamente le sue funzioni sono limitate a programmare l’uscita dei contenuti e monitorare la conseguente attività sui quei post. Fa veramente poco.

3. Ma il poco che fa, lo fa veramente bene!

Hootsuite è realmente un tentativo di essere una vera piattaforma di social media management (quindi permette di postare su più canali, di programmare l’uscita dei post, di gestire risposte, retweet, ecc dall’interno della piattaforma, di creare flussi standard ed anche flussi di ricerca, ed altro ancora) ed essendo un po’ limitato in tutte queste funzioni ha prezzi assolutamente accessibili per le PMI italiane. Bene. Buffer di tutto questo ha poco.

Accounts

Puoi selezione tra:

buffer vs hootsuite 1

Quindi inserisci i canali che ti interessano:

Screenshot 2014-08-25 at 21.09.43

Ed ora comincia …

tab buffer

Content

Da qui inserisci i contenuti che vuoi inserire nel sistema ed il canale/i canali dove vuoi che escano.

Analytics

Questa non è male come funzione. Praticamente Buffer ti offre un quadro della situazione per ogni post inviato tramite Buffer – in modo molto chiaro e leggibile. Ti offre questa pagina di riassunto per ogni singolo canale che hai impostato in Buffer ma solo per i contenuti inviati con Buffer.

analytics buffer

 

Scheduling

Neppure questa sezione fa pena. Praticamente Buffer crea un “serbatoio” di contenuti (quelli che te butti dentro il mostro nella sezione “content”). Poi ci pensa Buffer a come farli uscire tutti secondo le impostazioni scelte in “scheduling”. Ad esempio, potrei dire a Buffer che sul mio account twitter voglio che escano 4 tweet al giorno, uno alle 8.30, uno alle 11, un altro alle 15.45 e l’ultimo alle 19. Basta che io tenga il mostro alimentato con contenuti, e Buffer sputa fuori contenuti come da me impostato. (Nella versione gratuita hai una solo possibilità di programmazione per canale, ma appunto per una PMI dovrebbe bastare).

Settings

Qui non c’è niente di particolarmente interessante, giusto qualche servizio di link shortening e poco più.

 

Ecco fatto, davvero è tutto qui. Come prezzo è paragonabile a Hootsuite (solo $10 al mese), ma come funzioni decisamente no. Diciamo che è un altro animale e che forse non è nemmeno corretto fare paragoni tra due strumenti così diversi. Per noi che siamo un’agenzia di comunicazione web, Buffer non è assolutamente indicato, è davvero troppo limitato. Ma mi posso immaginare che per una piccola azienda che dà molta importanza al lancio di contenuti continui nel cyberspazio senza troppo fatica e con costanza e regolarità, senza dover pensare troppo alla programmazione individuale di ogni contenuto, è un vero dono del cielo.

A scrivere questo post mi sono auto-incuriosita, e mi son detta: chi realmente usa questo servizio?

“Who uses Buffer” mi ha portato un sacco di risultati dal 2012 e 2013 e poi dopo nulla … ovvia, la parte querelante lascia cadere l’accusa 😉

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Visit Us On FacebookVisit Us On Google PlusVisit Us On TwitterVisit Us On Pinterest